TAHE DERMO PROTECT































ESTRATTO ORIGINALE DI LIMONE • Idratante e nutritivo: - Mantiene l’idratazione cutanea. - Rinforza l’azione protettrice e favorisce il corretto funzionamento dell’effetto barriera della pelle. - Ammorbidente e rinfrescante: recupera l’energia della pelle. • Attività biostimolante: - Per il suo contenuto in alfaidrossiacidi, presenta proprietà esfolianti che stimolano il rinnovamento cellulare, l’eliminazione delle cellule morte e la formazione e rinnovamento delle cellule epidermiche. - Stimola la rigenerazione cellulare e rivitalizza i tessuti cutanei. - Per il suo contenuto in alfaidrossiacidi, favorisce inoltre la desquamazione della pelle e pertanto l’eliminazione della melanina presente negli strati superiori dell’epidermide. - E’ in grado di inibire la tirosinasi, un enzima coinvolto nel processo di fabbricazione della melanina, per cui è utile nel trattamento della iperpigmentazione (macchie e melasma) e aiuta ad unificare il tono della pelle. - Illumina e potenzia la luminosità naturale della pelle. • Attività antiossidante e antietà: - Per il suo contenuto in Vitamina C, protegge la pelle dai radicali liberi e possiede provata capacità nell’attivare la produzione del collagene. - Riduce le reazioni di ossidazione, causa principale dell’invecchiamento. - Previene e attenua le rughe ed i segni dell’età. • Attività astringente e sebostatica: - Purifica, riequilibra e tonifica la pelle: aiuta a pulire la pelle da impurità, a eliminare l’eccesso di sebo, grasso e previene la comparsa di comedoni. - Chiude i pori impedendo che si ostruiscano e compaiano imperfezioni. - Riduce l’ossidazione del sebo e, di conseguenza, la formazione di punti neri. - Per la sua ricchezza in vitamine del gruppo B, C e A, nutre i capelli conferendo lucentezza e luminosità. - Inoltre, per il suo effetto astringente, aiuta a limitare l’eccesso di grasso mantenendo i capelli puliti più a lungo. • Ha proprietà antimicrobiche, batteriostatiche e/o battericide.


OLIO DI COCCO L’olio di cocco ha come principale caratteristica la sua ricchezza in acidi grassi saturi ( acido laurico, acido miristico, acido palmitico, acido caprilico, acido caprico e acido stearico). Contiene inoltre acidi grassi essenziali come l’acido oleico e l’acido linoleico, in minore proporzione. • Attività protettrice e riparatrice del capello: - L’olio di cocco, composto da trigliceridi dell’acido laurico, possiede una elevata affinità con Le proteine del capello e, per il suo basso peso molecolare e la sua struttura a catena lineare, è capace di penetrare fino agli strati più profondi della fibra capillare. Per questo, l’olio di cocco riduce in modo evidente la perdita di proteine tanto nei capelli sani quanto in quelli danneggiati. - L’olio di cocco riduce l’adesione capillare grazie al suo potere di penetrazione lasciando una fine pellicola sulla superficie del capello. • Attività emolliente: - Gli studi confermano che l’olio di cocco possiede proprietà di idratazione della pelle dovuta all’incremento dei livelli di lipidi sulla superficie della stessa. • Attività purificante e antifungina in prodotti cosmetici per capelli. POTENZIALE DELL’OLIO DI COCCO E SUOI DERIVATI COME AGENTI ANTIVIRALI EFFICACI E SICURI CONTRO IL NUOVO CORONAVIRUS (NCOV-2019) Gli acidi grassi tipo acido laurico, o come la monolaurina, hanno dimostrato di possedere attività antivirale attraverso 3 meccanismi d’azione: 1. Primo, causano la disintegrazione dell’involucro del virus; 2. Secondo, possono inibire la fase di maturazione tardiva nel ciclo replicativo del virus; 3. Terzo, possono evitare l’unione delle proteine virali alla membrana della cellula ospite, attraverso disintegrazione della membrana del virus.





Le attività antivirali dell’acido laurico e della monolaurina furono osservate per la prima volta dal ricercatore Sands e collaboratori (1979) e successivamente da Hierholzer e Kabara (1982). In particolare, Hierholzer e Kabara dimostrarono che la monolaurina fu capace di ridurre l’infettività di 14 virus avvolti con RNA e DNA umani in colture cellulari > 99.9% e che la monolaurina agì disintegrando l’involucro del virus. Thormar e collaboratori (1987) confermarono la capacità dell’acido laurico e la monolaurina di inattivare i virus mediante la distruzione della membrana cellulare. Fu dimostrato che il laurilsolfato di sodio può solubilizzare e denaturalizzare l’involucro virale (Piret 2000, 2002). Inibisce la maturazione del virus. Il virus Junin (JUNV) è l’agente che causa la febbre emorragica argentina. In una comparazione tra gli acidi grassi saturi da C10 a C18 sull’infezione da JUNV, Bartolotta e collaboratori (2001) mostrarono che l’acido laurico era l’inibitore più attivo. A partire da studi approfonditi, si concluse che l’acido laurico inibiva la fase della maturazione tardiva nel ciclo replicativo del JUNV. Secondo le immagini al microscopio elettronico di trasmissione, JUNV è un virus avvolto che presenta glicoproteine incastrate nel bistrato lipidico formando picchi virali (Grant et al., 2012); è simile a nCoV-2019. Questi composti prevengono l’unione di proteine virali alla membrana delle cellule ospiti. Hornung e collaboratori (1994) dimostrano che, in presenza di acido laurico, la produzione del virus del virus della stomatite vescicolare infettiva si inibiva in modo dose-dipendente e reversibile: dopo l’eliminazione dell’acido laurico, l’effetto antivirale scompariva. Osservarono che l’acido laurico non influiva sulla sintesi delle proteine della membrana virale (M), ma impediva l’unione delle proteine virali M alla membrana della cellula ospite. Sebbene l'acido laurico rappresenti gran parte dell'attività antivirale segnalata dell'olio di cocco, anche l'acido caprico (C10) e la monocaprina hanno dimostrato una attività promettente contro altri virus, come il VIH-1 (Kristmundsdóttir et al., 1999). L’acido caprico rappresenta approssimativamente il 7% dell’olio di cocco. Pertanto, almeno due acidi grassi nell’olio di cocco ed i suoi monogliceridi hanno proprietà antivirali. Hilarsson e collaboratori (2007) provarono l’attività antivirale di acidi grassi, monogliceridi e alcoli grassi contro il virus respiratorio sinciziale (VSR) ed il virus della parainfluenza umana tipo 2 (HPIV2) a diverse concentrazioni, tempi e livelli di pH. Conclusero che il composto più attivo provato fu la monocaprina (C10), che mostrò inoltre attività contro il virus dell’influenza A e attività antivirali significative anche a concentrazione bassa come 0.06-0.12%.

TENSIOATTIVI

TENSIOATTIVI SLS Il Lauril solfato di sodio (SLS), è un tensioattivo anionico con alto potenziale denaturalizzante delle proteine, è un potente inibitore dell’infettività di vari virus incapsulati (virus dell’ herpes simplex, VIH-1, virus Semliki Forest) e non incapsulati (papilloma virus, reovirus, rotavirus e poliovirus). Il meccanismo di azione del SLS implica la solubilizzazione dell’involucro virale e/o denaturalizzazione delle proteine dell’involucro e/o capside. Gel formulati con SLS si presentano come candidati potenziali per l’uso come microbicidi topici per prevenire la trasmissione del virus. L’impatto di questo strumento preventivo sulla salute pubblica può essere di enorme importanza (7).




#DCParrucchieri #Tahe #DermoProtect








1 visualizzazione

342 063 8321

Via di Torre Morena, 83/a, 00118 Roma RM, Italy

©2020 di DC Parrucchieri.